PasparTu: la capacità di aspirare come ponte per le pari opportunità

Con il contributo finanziario della Provincia Autonoma di Trento, la Fondazione Franco Demarchi ha organizzato un percorso formativo denominato “PasparTu: la capacità di aspirare come ponte per le pari opportunità”, che vede il coinvolgimento diretto del Servizio Attività Sociali del Comune di Trento.
 

L’iniziativa proposta ha una durata di 15 mesi e si rivolge prevalentemente a 12 giovani donne riconosciute dalla Legge 68/99 (nella tipologia di inserimento lavorativo di percorso formativo propedeutico al collocamento mirato) o giovani madri che vivono sia in strutture residenziali che non, che accedono al Servizio Attività Sociali maggiormente in difficoltà nella ricerca di un lavoro e quindi risultano più esposte all’esclusione lavorativa e sociale. Il progetto si pone l’obiettivo di sviluppare per queste donne un percorso di orientamento individualizzato. Ma l’iniziativa, attraverso momenti di scambio di esperienze, raccolta di testimonianze, coinvolge anche direttamente il Servizio Attività Sociali nell’ottica di migliorare gli strumenti a disposizione e creare sinergie e modalità di lavoro condivise tra tutti i soggetti presenti oltre che promuovere la parità di genere rafforzando le donne anche su specifiche tematiche nel loro percorso di re/inserimento lavorativo.

 
L’iniziativa si è così articolata:

  • focus group con equipe dei poli sociali del comune o altri operatori di case di accoglienza o comunità nelle quali le donne possono essere inserite;
  • 7 incontri formativi di 4 ore ciascuno (laboratori per lo sviluppo di competenze legate all’empowerment gestiti da coach, incontri per sperimentarsi nella ricerca attiva del lavoro);
  • 3 incontri di informatica di 4 ore con le partecipanti individuate (per fornire le competenze di base relative all’utilizzo delle tecnologie informatiche e all’uso del computer per raccogliere e trattare informazioni utili alla ricerca attiva del lavoro);
  • 3 colloqui di orientamento individuale di 1 ora ciascuno;
  • 1 incontro di gruppo di follow up di 4 ore
  • 80 ore di stage esplorativo con la finalità di far esplorare alle discenti il contesto lavorativo e le proprie reazioni (emotive, cognitive, relazionali, di ruolo) all’incontro con esso  
  • 1 incontro finale di 6 ore pensata come giornata laboratoriale aperta nel quale saranno coinvolte le assistenti sociale, gli educatori e i vari operatori del territorio e nel quale sarà prevista la testimonianza delle partecipanti al percorso formativo.

 
 

NEWS Formazione

Formazione continua assistenti familiari

Formazione continua assistenti familiari

A partire da sabato 13 novembre si svolgerà a distanza, online, la formazione gratuita rivolta ad Assistenti familiari iscritte/i al Registro provinciale, organizzata da Fondazione Franco Demarchi, in accordo con la Provincia autonoma di Trento - UMSE Sviluppo Rete Servizi e pari Opportunità.

Qualificazione Manager territoriale

Qualificazione Manager territoriale

Tra fine settembre e inizio ottobre partirà un nuovo percorso finalizzato al rilascio del titolo di qualificazione di Manager territoriale. Tutte le persone con un'esperienza professionale e/o di volontariato nella progettazione e nel lavoro di rete nell'ambito delle politiche territoriali, possono iscriversi al percorso per certificare le competenze acquisite.
Il possesso di questo titolo consentirà di entrare a far parte della Comunity dei Manager territoriali e di accedere ad opportunità di alta formazione esclusive e di aprirsi a nuove occasioni professionali.

Come valorizzare le esperienze

Come valorizzare le esperienze

La Fondazione Franco Demarchi propone a tutte le giovani e a tutti i giovani di Servizio Civile della provincia di Trento la possibilità di valorizzare gli apprendimenti, riconducibili ad un profilo professionale ben preciso, che stanno maturando nelle esperienze di servizio civile sul territorio provinciale, coerentemente anche con la normativa europea e italiana che sancisce il diritto di ogni persona di poter mettere in evidenza le proprie competenze a prescindere dal contesto in cui sono state maturate (contesti scolastici, ma anche contesti lavorativi, di volontariato, di vita personale ecc…).