Fondo Sociale Europeo

Nella Provincia Autonoma di Trento l'accreditamento è l'atto con cui l’amministrazione pubblica competente riconosce ad un organismo la possibilità di realizzare interventi di formazione cofinanziati dal Fondo Sociale Europeo. In particolare l’accreditamento del soggetto proponente è condizione per l’affidamento in gestione degli interventi aventi contenuto formativo, compresi i buoni formativi.

Attraverso l'accreditamento, la Provincia valuta il possesso di requisiti minimi da parte dei soggetti che si candidano per realizzare progetti sul territorio provinciale, a garanzia della qualità degli interventi formativi. La valutazione è compiuta secondo parametri oggettivi, in base a capacità gestionali e logistiche, situazione economica e finanziaria, dotazione di adeguate competenze professionali (in attività di direzione, amministrazione, coordinamento, analisi e progettazione, erogazione dei servizi) e attivazione di relazioni stabili con il sistema sociale e produttivo locale.

 

Il dispositivo di accreditamento trentino è strutturato su sei requisiti, con l’indicazione di quelli che si riferiscono all’organismo e quelli che fanno riferimento alla sede formativa:

  • Req.1. Adeguatezza del soggetto giuridico
  • Req.2. Affidabilità economica e finanziaria
  • Req.3. Indicatori di efficacia ed efficienza
  • Req.4. Disponibilità di una o più sedi formative idonee ubicate sul territorio della Provincia
  • Req.5. Adeguata dotazione in termini di risorse gestionali e professionali a presidio dei processi di lavoro
  • Req.6. Attivazione di strumenti di relazione stabile con il territorio provinciale

 

L’accreditamento delle strutture formative in vigore in Provincia di Trento, ad applicazione dell’Intesa del 20 marzo 2008 da parte della Conferenza permanente per i rapporti tra Stato, Regioni e Province Autonome, ha due riferimenti normativi:

  • il Regolamento della Provincia Autonoma di Trento concernente la “Disciplina del coordinamento e dell’attuazione degli interventi della Provincia cofinanziati dal Fondo Sociale Europeo” di cui al decreto del Presidente della Provincia n. 18-125/Leg del 9 maggio 2008 pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione del 3 giugno 2008 n.23/I-II;
  • la Deliberazione della Giunta Provinciale n. 1820 del 18 luglio 2008, pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione del 5 agosto 2008 n.32/I-II. Il soggetto formativo deve rispondere a tutti i requisiti minimi richiesti dalla suddetta deliberazione, di seguito denominata “Dispositivo di accreditamento”. 
     

Fondo Sociale Europeo in Trentino

 
 

NEWS Fondazione

Giornata della Memoria 2020

Giornata della Memoria 2020

Venerdì 31 gennaio ad ore 16.00, presso la sede della Fondazione Franco Demarchi, si svolgerà l'incontro "Solidarietà o barbarie?", organizzato in occasione della Giornata della Memoria. Interverrà il presidente ANPI del Trentino Mario Cossali e porterà la sua testimonianza il partigiano Renato Ballardini.

AVVISO DI SELEZIONE

AVVISO DI SELEZIONE

La Fondazione Franco Demarchi ha indetto una selezione per il conferimento di un incarico di collaborazione, per lo svolgimento di attività di formazione, in particolare con riferimento al tutoraggio/accompagnamento di percorsi di validazione delle competenze e di percorsi di formazione per figure che operano nel sociale (formatore junior).
La domanda dovrà pervenire alla Fondazione Franco Demarchi entro le ore 12.00 del giorno 22 gennaio 2020.

Incontro NATI PER LEGGERE

Incontro NATI PER LEGGERE

Venerdì 17 gennaio 2020 alle ore 15.00 si svolgerà, presso la Fondazione Franco Demarchi, l'incontro dal titolo "Leggere insieme al tuo bambino e alla tua bambina". Interverranno la pediatra Anna Pedrotti del Dipartimento della salute Pat e la bibliotecaria Alessia Gabrielli dell'Ufficio per il Sistema Bibliotecario Trentino Pat, che spiegheranno l'importanza della lettura per sostenere lo sviluppo dei bambini.
L'iniziativa, oltre che a genitori, si rivolge soprattutto a nonni/e, zii/e, che hanno a cuore la crescita dei propri nipoti.

Spot "Papajob"

Spot "Papajob"

È stato presentato in questi giorni lo spot “Papajob”, step finale dell’omonimo progetto svolto quest’anno dalla Fondazione Franco Demarchi, in collaborazione con l’Associazione Donne in Cooperazione, grazie al contributo dell’Ufficio Pari Opportunità del Dipartimento salute e politiche sociali (Pat). Realizzato dalla regista Katia Bernardi lo spot, che vedrà una diffusione sul territorio provinciale, punta a sensibilizzare il maggior numero di persone verso la promozione di una cultura di corresponsabilità dei carichi di cura, per contribuire all’affermazione delle pari opportunità in ambito lavorativo, de-tradizionalizzando i ruoli genitoriali. Con leggerezza e ironia, in un susseguirsi di immagini molto esplicite, il breve video pone in evidenza come il congedo parentale sia un diritto che favorisce il rapporto tra i padri e i figli.

Comunicazione e disabilità

Comunicazione e disabilità

Nei giorni scorsi sono stati presentati dei principi guida, indicazioni quindi non prescrittive e univoche, ma orientanti per il rispetto dei diritti delle persone con disabilità, da condividere ed integrare. Tali principi, raccolti in una sorta di manifesto, sono il frutto di un lavoro svolto da un gruppo interdisciplinare, composto da giornalisti e professionisti della comunicazione (videomaker, social media manager, fotografi), insieme ad operatori sociali, genitori e persone con disabilità, con la supervisione di Michele Marangi, docente dell’Università Cattolica.
L'iniziativa è nata da Consolida, con l’Ordine dei giornalisti del Trentino Alto – Adige, l’Assostampa, la Fondazione Franco Demarchi e il sostegno della Provincia autonoma di Trento. 

Esiti convegno arco alpino 2019

Esiti convegno arco alpino 2019

Alla Fondazione Franco Demarchi, il 15 e il 16 novembre 2019, in occasione della quarta edizione del Convegno Arco Alpino si è parlato soprattutto del cambiamento del vivere in montagna oggi, attraverso le testimonianze e la presentazione di progettualità provenienti, oltre che dalla nostra regione, dalla Sardegna, Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia e Veneto. I temi salienti della trasformazione della montagna emergono nelle nuove forme di welfare comunitario, come strategia capace di rivitalizzare l'arco alpino per evitarne lo spopolamento e innovarne il tessuto sociale ed economico.

Il confronto tra i partecipanti è stato un’opportunità di contaminazioni di saperi, che ha portato anche alla stesura di una bozza di un possibile “Decologo della montagna che cambia”.

Percorso per caregiver

Percorso per caregiver

"CuraInsieme" è il nome dell'iniziativa, che prenderà il via nel mese di maggio, rivolta a tutte le persone interessate e, in special modo, ai familiari che assistono un proprio caro non autosufficiente.
Strutturato su più edizioni questo percorso, nella sua prima fase, prevede due serate informative e di sensibilizzazione programmate su tutto il territorio provinciale.
Entro l'anno sarà avviata la seconda fase che prevede la sperimentazione, nella Comunità della Vallagarina, di un percorso più strutturato per familiari che prestano assistenza.