Un confronto istituzionale sul carcere

Un confronto istituzionale sul carcere

Il 3 maggio alle ore 17.00, nell'ambito del progetto “Liberi Da Dentro”, finalizzato a diffondere sul territorio una conoscenza reale del mondo del carcere, delle pene e del loro effetto sulle persone, si svolgerà l'incontro conclusivo del percorso culturale “Punire, Rieducare, Ripartire? Riflessioni sulla sanzione penale oggi in Trentino”, dove si confronteranno rappresentanti istituzionali.

L’incontro si focalizzerà sul tema “La città di Trento e il carcere” e sarà introdotta dalla testimonianza di una persona che ha vissuto l’esperienza della detenzione e dell’affidamento in prova al servizio sociale nel Comune di Trento. A seguire hanno dato la disponibilità ad esserci e a confrontarsi sulle domande sorte durante il percorso culturale, Valerio Pappalardo, direttore della Casa Circondariale di Trento, Alessandro Andreatta, sindaco del Comune di Trento, Luca Zeni, assessore alla Salute e Politiche Sociali della Provincia Autonoma di Trento, Andrea De Bertolini, presidente dell’Ordine degli avvocati, don Mauro Angeli, cappellano della Casa Circondariale di Trento e rappresentanti del volontariato e del terzo settore.

Il progetto “Liberi Da Dentro” è sostenuto dalla Fondazione Caritro e ha come promotori: Scuola di Preparazione Sociale, Fondazione Franco Demarchi, Associazione “Dalla Viva Voce”, Associazione Quadrivium, Comune di Trento, Comune di Lavis, Comune di Riva del Garda, Rivista UnderTrenta, Sistema Bibliotecario Trentino, Museo Diocesano, Cooperativa ABCittà, Cinformi, APAS, ATAS, Conferenza regionale volontariato carcere Trentino Alto Adige, con il patrocinio della Provincia autonoma di Trento.